#primarias Primarie Nazionali Sarde

Le Primarias – Primarie Nazionali Sarde – vogliono essere un grande momento di partecipazione, dibattito, mobilitazione popolare dei sardi attorno alla definizione non solo di una candidatura per la presidenza della RAS ma ancor prima di una visione della Sardegna, della sua identità politica, dei suoi poteri istituzionali, delle soluzioni da elaborare e mettere in pratica per cambiare e migliorare radicalmente la vita dei sardi.

È questo che l’Assemblea Popolare che si è svolta presso il Nuraghe Losa il 23 settembre 2018 ha deciso: proporre alla Sardegna lo svolgimento delle prime Primarie Nazionali Sarde per far sì che il futuro dei sardi si decida in Sardegna, che sia la Sardegna a decidere del suo futuro.

Eventi democratici di questa portata e con questa ambizione hanno necessità di trasparenza e partecipazione in ogni loro fase. Perciò in questo sito pubblichiamo i documenti preparatori delle Primarias, aprendole al dibattito pubblico per dieci giorni. Chiunque volesse contribuire, invii dunque le proprie osservazioni motivate compilando il modulo disponibile alla sezione Contatti. Così pure per le richieste di adesione e di coinvolgimento.

Infine, dovendo dare un orizzonte certo alle tante persone che si sono impegnate nell’Assemblea Popolare del Losa, il Comitato organizzatore ha fissato lo svolgimento delle Primarias nei giorni dal 6 al 16 dicembre 2018; la data ultima per la presentazione delle candidature è fissata per il 18 novembre 2018.

Si vota presentandosi ai seggi con un documento di identità. Possono votare tutti coloro che abbiano compiuto i 18 anni di età. Si voterà on line e il voto sulla Nazione Sarda verrà esteso a coloro che hanno compiuto 16 anni e ai sardi nel mondo.

Ognuno si senta e si faccia protagonista: con le Primarias – Primarie Nazionali Sarde – possiamo decidere insieme il nostro futuro.

È la Sardegna che conta! È la Sardegna che decide!

Leggi la Carta dei valori

***

***

Chi è la società che gestirà il voto

Non si tratta di una piattaforma creata ad hoc, ma di una piattaforma indipendente che ha già svolto votazioni elettroniche verificate dalle autorità pubbliche.
La piattaforma Si chiama Eligo. È di proprietà della società ID Technology.
Ha 14 anni di esperienza, ha gestito fino ad oggi 520 elezioni on line, per un volume complessivo di 1,7 milioni di votanti.
È una società verificata dal Garante della Privacy, dal Tribunale di Roma e dal CIRSFID. Il sistema ELIGO ha piena valenza legale e assicura un voto online anonimo, legittimo e sicuro.
Il Garante della Privacy nel 2011 ha scritto: “l’eventuale relazione tra elettori e preferenze di voto espresse non è registrata in alcuna tabella, ne è ricostruibile partendo dalle informazioni archiviate nei database. Le misure descritte da ID Technology si valutano adeguate per impedire l’identificazione diretta e indiretta dei votanti e dei voti espressi, con la conseguenza che possono considerarsi insussistenti i paventati rischi di identificazione del votante”.
Il Tribunale di Roma nel 2014 ha sentenziato: “Risultano approntate una serie di cautele tecnologiche idonee ad impedire un uso scorretto o improprio del voto e ad offrire le maggiori garanzie di riservatezza, segretezza e libertà di espressione del voto”.
IL Cirfid (Centro Interdipartimentale di Ricerca in Storia del Diritto, Filosofia e Sociologia del Diritto e Informatica dell’Università di Bologna) ha confermato nel 2015 in un report sulla valenza legale di ELIGO, effettuando un’analisi sulla legalità giuridica del flusso di voto e in generale nei sistemi di evoting.